Aiazzone / Emmelunga: comunicato stampa Fiditalia

Fiditalia ha emesso un comunicato stampa per annunciare che restituirà le rate pagate dai clienti Aiazzone per l’acquisto di mobili mai consegnati.
Una buona notizia per tutti coloro che, pur non avendo mai ottenuti i loro beni, si erano visti chiedere comunque il pagamento del finanziamento.
Pubblichiamo di seguito il testo del comunicato:

Fiditalia, società di credito al consumo del gruppo Société Générale, ha deciso di autorizzare la restituzione ai Clienti delle rate dei finanziamenti accesi per l’acquisto di mobili Aiazzone/Emmelunga; ciò a seguito della dichiarazione di fallimento della società Panmedia.

La restituzione delle rate già pagate avverrà in tutti i casi in cui sarà accertata la mancata consegna totale delle merci o la risoluzione del contratto di acquisto per inadempimento di Panmedia. Questa condizione sarà verificata direttamente con il curatore fallimentare.

Nel caso di consegne parziali dei mobili, Fiditalia valuterà caso per caso, sempre in accordo con il curatore fallimentare, un’eventuale riduzione del finanziamento, stabilito sulla base del valore della merce effettivamente consegnata da Panmedia.

La società sta provvedendo a inviare una comunicazione a tutti i Clienti interessati per illustrare l’iniziativa e i dettagli operativi.

La decisione è l’ultimo atto di una serie di interventi attivati da Fiditalia a tutela dei Clienti coinvolti. Già a partire dal mese di luglio 2010 la società ha annullato numerosi contratti di finanziamento e nello scorso mese di marzo ha autorizzato la sospensione del pagamento delle rate, provvedendo alla cancellazione delle segnalazioni negative nei Sistemi di Informazione Creditizia.

Inoltre, dai primi di febbraio, Fiditalia è impegnata attraverso la propria Direzione Affari Legali e Societari in un dialogo costante con le associazioni dei consumatori, finalizzato al confronto e alla definizione di tutte le iniziative volte a tutelare i clienti coinvolti nel dissesto di Aiazzone/Emmelunga.

399 Visite
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *