Catene odontoiatriche: fate attenzione

Ideasorriso è una catena nazionale di studi dentistici, con sede a Padova, che dichiara 15 filiali in cinque diverse regioni italiane. Il proprietario è la “Mingardi Dental Center Srl”, costituita a gennaio 2017. Già in quell’anno Ideasorriso era stata segnalata per diverse irregolarità riscontrate nelle sue sedi sparse in Italia. Lo scorso mese di febbraio la filiale di Modena è stata chiusa dell’AUSL per molteplici carenze, tra le quali la mancanza di un Direttore Sanitario, l’assenza di una autoclave per la sterilizzazione dei ferri ed altre carenze igieniche.
Il 22 febbraio di quest’anno l’azienda ha chiesto l’ammissione al concordato preventivo, cessando poco dopo l’attività e lasciando diverse persone con interventi non conclusi, in diversi casi non ancora iniziati ma per i quali è stato versato un anticipo o è stato ottenuto un finanziamento. Sul fronte dei pazienti registriamo la sottoscrizione di finanziamenti senza alcuna prestazione, la fornitura di protesi di cattiva qualità e l’assenza di assistenza, oltre a dubbi sulla effettiva necessità degli interventi svolti.
Il dato che emerge, con grande chiarezza, è che in quella struttura il peggior marketing aveva preso il sopravvento sull’attività sanitaria. Non si curavano pazienti, ma si vendevano prodotti e prestazioni. Raggiungere il budget settimanale era l’imperativo, e per farlo si proponevano interventi dei quali non sempre vi era necessità. Si sono richiesti anticipi, si sono avviati finanziamenti quando già era evidente l’impossibilità di fornire le prestazioni. Non c’era un reale referente sanitario, l’improvvisazione imperava ed erano frequenti gli annullamenti degli appuntamenti all’ultimo minuto, a volte quando il paziente aveva già assunto antibiotici. Questo succedeva, ad esempio, quando l’azienda riteneva non conveniente pagare un dentista per un numero limitato di appuntamenti. In generale le condizioni di lavoro erano pessime, con una commistione di mansioni estrema e con turni di lavoro a volte lunghissimi.
La vicenda Ideasorriso rende indispensabile alzare l’attenzione generale sulla crescita delle catene dentistiche. Lo diciamo subito: non si può fare di tutta l’erba un fascio, non possono essere assimilati alla situazione denunciata gli altri soggetti del settore. Federconsumatori ha ricevuto sino ad oggi alcune segnalazioni di problemi, in alcuni casi trasformatisi in una vera e propria vertenza. Casi di marketing aggressivo, come quello del signore entrato in un centro per una otturazione uscendone con un preventivo enorme e la proposta di togliere diversi denti. Un intervento giudicato folle da un altro dentista, che ha curato i denti salvandoli. Oppure il caso di un finanziamento acceso, illegittimamente, prima della sottoscrizione del contratto. Dopo una serie di esposti di Federconsumatori la catena dentistica ha restituito i soldi alla finanziaria, che ha liberato il cliente da ogni obbligo. Diverse sono state le consulenze sul mancato rispetto dei preventivi, sul continuo cambiamento di dentisti, sui ritardi nei lavori.
Il prezzo, l’economicità di quanto viene chiesto, è la ragione principale della crescita delle catene dentistiche. Il tema non può essere aggirato: oggi una cura odontoiatrica complessa può mettere in difficoltà il bilancio familiare, e la ricerca del miglior prezzo è più che giustificata. Come giustificata è una sana concorrenza, portata dalla crescita della competizione. Ma detto questo è necessario che il paziente-consumatore sia consapevole delle problematiche che possono nascere rivolgendosi a strutture di recente insediamento, la cui forma societaria può rendere complesso ottenere risarcimenti e garanzie qualora insorgano problemi.
Una situazione che deve vedere crescere l’attenzione generale. Federconsumatori intende ora portare la questione all’attenzione del Ministero della Salute e al Ministero della Giustizia per quanto attiene alla regolamentazione delle STP (società tra professionisti) in ambito medico, tassello essenziale per combattere casi come quello di Idea Sorriso. L’obbiettivo è quello di proporre un argine agli eccessi commerciali, riportando pienamente l’attività delle catene dentistiche nell’alveo dell’attività sanitaria. Requisiti per svolgere l’attività, tutela del consumatore, l’attenta sorveglianza sono i temi che porremo in questi incontri.
Federconsumatori infine ha presentato un decalogo rivolto ai pazienti–consumatori, dove sono elencate le cautele che debbono essere utilizzate quando ci si rivolge alle catene dentistiche. Il decalogo è scaricabile qui:

decalogo dentisti

La nostra sede è a disposizione per chiunque avesse ricevuto un danno da uno studio dentistico o anche volesse semplicemente chiedere un nostro parere su un contratto che si accinge a firmare. Chiamateci per appuntamento 051/6087120 o scriveteci su info@federconsumatoribologna.it

 

 

257 Visite
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *