Senza luce? Potrebbe essere una truffa

Non si placano i problemi creati dal comportamento fraudolento di un’agenzia (di cui non sappiamo il nome, ma solo il codice n.250) che, incaricata da ENI Gas&Luce di procurare clienti nella zona di Bologna, ha pensato bene di falsificare decine e decine di contratti e incassare così la provvigione. Ne abbiamo parlato in questo articolo di ottobre 2018 .
Ci hanno chiamato numerose persone che, trovatasi improvvisamente senza luce in casa o con potenza ridotta (il che significa non poter nemmeno accendere la lavatrice) hanno chiamato il loro gestore Servizio Elettrico Nazionale e hanno scoperto di non essere più loro clienti da quasi un anno. Il problema è che l’agenzia truffaldina, essendo in possesso solo di alcuni dati dei clienti, in particolare nome cognome, codice fiscale e POD, ha inventato di sana pianta l’indirizzo di recapito delle fatture, che quindi non sono arrivate, così come le raccomandate di sollecito. I clienti, con domiciliazione bancaria e quindi tranquilli, si sono improvvisamente trovati con una grossa morosità e la luce sospesa.

Oltre a ribadire la gravità del comportamento di questa agenzia e la superficialità con cui ENI ha gestito la questione, della quale era stata informata già da gennaio, consigliamo a tutti i clienti di Servizio Elettrico Nazionale che non ricevono più fatture, cartacee o digitali, da qualche tempo, di contattare il gestore per verificare che sia tutto a posto. Se scoprite di non essere più clienti, senza che abbiate mai firmato un contratto con un diverso venditore, contattateci via email su info@federconsumatoribologna.it o chiamateci al n.051/255810

627 Visite
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *