Studenti in cerca di casa? Attenti alle truffe

Come in tutte le città universitarie, anche a Bologna a settembre inizia la “caccia” dei nuovi iscritti ad una stanza o posto letto, resa più difficile dalla crescente presenza turistica in città che ha spinto molti proprietari a preferire gli affitti brevi b&b piuttosto che i classici affitti a studenti.

Puntualmente, ci sono state segnalati tentativi di truffa negli annunci e/o nei gruppi social di ricerca alloggio, a cui è bene fare molta attenzione. La truffa inizia con una proposta allettante di una stanza o appartamento, a volte (ma non sempre) corredata da foto e dettagli. Una volta attirata la vostra attenzione, il sedicente proprietario vi dirà che, per impegni urgenti, si trova all’estero e non può tornare a breve in Italia e vi proporrà, per “bloccare” la casa, di versare un anticipo o una caparra tramite Air bnb o un altro modo. Se prendete tempo, vi dirà che ci sono altre persone interessate e che dovete rispondere subito.

Ovviamente, una volta versata la caparra, il “proprietario” sparirà nel nulla e vi accorgerete che anche il sito su cui avete vesato la caparra non è il vero Air bnb ma un clone.

Come evitare questo genere di truffe? Regola numero uno: diffidate dalle offerte troppo allettanti e fuori mercato. regola numero due: non dare caparre a sconosciuti senza aver mai visto l’appartamento.

Potete poi fare delle verifiche preliminari, ad esempio chiedendo l’indirizzo esatto e in nome sul campanello della porta e controllando poi di persona, oppure, se vi hanno fornito delle foto, inserendole nella ricerca inversa di Google immagini per verificare che non siano scaricate da internet.

Potete anche chiedere l’indirizzo esatto della casa e il nome del proprietario e fare una veloce verifica al catasto, online sul sito dell’Agenzia delle Entrate oppure negli sportelli territoriali dell’Agenzia o nello “Sportello Amico” degli uffici postali.

Se poi siete sicuri di voler fermare una casa, non versate anticipi con ricarica su carta prepagata o in contanti.

Noi di Federconsumatori siamo disponibili per assistenza e consulenza agli studenti universitari, che possono avere la nostra tessera annuale a 10 euro anziché 40. Diamo aiuto per contratti di affitto, utenze domestiche e qualsiasi rapporto con aziende e professionisti e con la Pubblica Amministrazione. Chiamateci al n.051/255810 o scriveteci su info@federconsumatoribologna.it

415 Visite
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *