Articoli

Energia: importante sentenza di annullamento del TAR Lombardia

Con sentenza del 14/3/2013 il TAR Lombardia ha annullato la Delibera dell’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas 30 novembre 2010 ARG/ELT n.219/10, che ha introdotto il c.d. “Sistema Indennitario”.

In sintesi, la delibera si proponeva il fine di prevenire che il cliente finale, cambiando fornitore di energia elettrica, lasciasse dietro di sé delle fatture non pagate, contando sul fatto che il precedente venditore, non avendo a carico la fornitura, non potesse più sospenderla per morosità.
A seguito di questi fenomeni di “turismo energetico” i venditori si trovavano privi di strumenti per il recupero del credito, dal momento che spesso le fatture insolute sono di importo così basso da non giustificare economicamente un procedimento giudiziario.

L’AEEG ha quindi introdotto un meccanismo secondo il quale, in ultima analisi, il credito del vecchio fornitore viene “girato” forfettariamente sulla fattura del nuovo fornitore, sotto la dicitura “corrispettivo CMOR”. A questo punto, il cliente non può fare altro che saldare il debito, pena il rischio del distacco della fornitura.

Il TAR Lombardia, come dicevamo, ha annullato questa delibera argomentando che “non sussiste alcuna norma [che attribuisca] “al regolatore [l’AEEG] il potere di incidere sull’oggetto e sugli effetti del contratto di fornitura”. Non è quindi più possibile per i venditori uscenti chiedere il pagamento delle morosità nelle fatture del venditore entrante.

Qui il testo della sentenza:
N. 00491_2011 REG.RIC

 

 

 

E.A.

Realizzato nell’ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero per lo sviluppo economico

349 Visite