Articoli

Aggiornamento sulla vicenda DIAMANTI per i clienti BPM

Lo scorso 13 maggio Federconsumatori e Adiconsum hanno incontrato BPM sulla questione diamanti. Un incontro difficile, che seguiva il precedente incontro dell’8 aprile, chiuso con un nulla di fatto ed in un clima teso, che ha visto anche lo sciopero dei dipendenti in solidarietà con i risparmiatori.
Anche il recente incontro rischiava di rivelarsi puramente interlocutorio: per questo già in apertura abbiamo posto con forza la necessità di una risposta importante alle migliaia di clienti di BPM colpevoli soltanto di aver aderito ad una proposta di investimento proveniente dalla propria Banca di fiducia. Il confronto è stato estremamente complesso ed ha misurato le importanti distanze tra le nostre proposte e le disponibilità di BPM, rendendo ad un certo punto quasi probabile una rottura.
Confronto che si è protratto fino alla data odierna, in cui abbiamo riscontrato le disponibilità di BPM ad un percorso stragiudiziale, che non riteniamo ancora esaustive, ma che sicuramente rappresentano un passo in avanti rispetto alla grande maggioranza delle posizioni. Al contempo permangono diverse criticità per alcuni investitori, a cui offriamo la necessaria assistenza anche per vie diverse da quelle stragiudiziali.
Non può però essere sottovalutato che per la maggior parte degli investitori, pur perdurando l’indisponibilità della Banca ad acquisire i diamanti, il passo in avanti è importante.
Anche sui tempi di chiusura delle singole posizioni abbiamo registrato una importante disponibilità di BPM. Sarà possibile infatti una chiusura celere anche per chi non ha fisicamente a disposizione le pietre, perché la loro proprietà sarà riconosciuta dalla Banca a fronte dell’esibizione della PEC inviata al curatore fallimentare (a norma dell’art. 87 bis).
Alla luce dei nuovi sviluppi della vicenda, si apre ora per Federconsumatori una fase di informazione ai propri rappresentati, che comprenderà necessariamente anche l’esame, con ogni singolo investitore, di una possibile soluzione individuale.

Contattateci per appuntamento al n.051/6087120

239 Visite

Senza telefono in Val Di Zena: cosa facciamo

Dal 25 gennaio decine di persone sono senza linea a Pianoro, in Val di Zena. Secondo le notizie riportate sulla stampa, la situazione è stata causata da alcuni cavi spezzati per il maltempo.

La situazione evidenzia ancora una volta, semmai ce ne fosse bisogno, il grave problema della manutenzione delle linee e delle infrastrutture (telefoniche, elettriche ecc) che sono trascurate proprio nelle zone più isolate, dove sarebbero più necessarie a causa dello scarso segnale dei cellulari.

La nostra associazione offre assistenza per la gestione della richiesta di indennizzo  e per fare pressione su TIM per una efficiente gestione delle infrastrutture di cui è gestore. Stiamo organizzando un’assemblea, restate in contatto sul nostro sito oppure inviateci una mail su info@federconsumatoribologna.it con il vostro numero di telefono. Siamo disponibili a dare informazioni anche al centralino 051/6087120.

331 Visite

Il Sistema bancario italiano e la tutela del correntista: incontro pubblico

Il nostro presidente Maurizio Gentilini interverrà all’incontro pubblico sul tema del bail-in e del sistema bancario italiano, organizzato dal Comune di Ozzano dell’Emilia il giorno:

giovedì 16 giugno 2016 alle ore 20.30
c/o Sala Città di Claterna
Piazza Allende, 18
Ozzano dell’Emilia

VOLANTINO INIZIATIVA BANCHE

334 Visite