Ottenuto rimborso per un viaggio annullato causa covid

La vicenda risolta di recente dalla Federconsumatori ha visto protagonista una consumatrice che, nell’ottobre 2019, aveva acquistato dei biglietti aerei dalle compagnie Air France e KLM per effettuare una vacanza in Ecuador nel marzo 2020.

Il costo per tale acquisto era pari a 2.457,33, interamente versato tramite carta di credito della nostra associata.

Come noto, la gravità della emergenza sanitaria legata alla diffusione su scala mondiale del COVID-19 ha spinto l’OMS, nel marzo 2020, a dichiarare lo stato di pandemia: per tale ragione le compagnie comunicavano la cancellazione dei voli, senza ovviamente indicare alcuna data alternativa.

La consumatrice, pertanto, procedeva con la richiesta di rimborso.

Dopo diversi mesi di attesa, stanca di aspettare il rimborso dell’intero importo corrisposto, la consumatrice si è rivolta alla nostra associazione.

Con l’intervento della nostra consulente Avv. Paola Pizzi, che da anni si occupa di problemi in materia di viaggi, veniva ribadita la richiesta – a suo tempo avanzata – di immediata restituzione dell’intero importo versato per l’acquisto dei biglietti pari ad € 2.457,33 con la precisazione che la consumatrice non intendeva accettare alcun voucher ma esclusivamente il rimborso monetario.

Dopo pochi giorni la nostra consumatrice ha ottenuto la restituzione dell’intera somma versata.

Un grande risultato che ricorda a tutti che non basta rivendicare i propri diritti: i diritti si esercitano perché, in questo modo, se ne impone il rispetto.

La Federconsumatori è al fianco di chi vuole esercitare i propri diritti e lo dimostra ogni giorno anche grazie alla attività sul territorio dei propri consulenti.

Avv. Paola Pizzi

612 Visite
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *