Articoli

Indennizzi per neve: un riepilogo

Dopo oltre un mese dalla nevicata che il 6 febbraio ha colpito numerosi Comuni e creato molti disagi, facciamo il punto della situazione su cosa fare per ottenere risarcimenti e indennizziper le interruzioni dei servizi.

ENERGIA ELETTRICA

Sono previsti innanzitutto degli indennizzi automatici che Enel Distribuzione erogherà direttamente in bolletta nei prossimi mesi. L’indennizzo di articola a seconda della durata della sospensione: per gli utenti domestici si può arrivare ad un massimo di 300 euro, per le attività commerciali max 1000 euro e per le industrie max 6000 euro. Per ottenere questi indennizzi è quindi sufficiente attendere le fatture dei prossimi 2-3 mesi, qualunque sia il venditore.

La nostra associazione, al pari di altre,  ha giudicato insufficienti gli indennizzi automatici, data la gravità dei disagi subiti: abbiamo quindi aperto un tavolo di trattativa con Enel Distribuzione e Terna, che sta attualmente lavorando. Se all’esito delle trattative saranno concessi indennizzi ulteriori, sarà probabilmente necessario farne apposita domanda. Pubblicheremo tutti gli aggiornamenti riguardo alle trattative sul nostro sito non appena disponibili.

Oltre al disagio per la sospensione, molti utenti hanno anche subito veri e propri danni. I danni da sovratensione, ad esempio, si possono già da subito richiedere con diffida, allegando la fattura di riparazione (o il preventivo). Altri danni vanno provati: ad esempio, le attività commerciali possono provare attraverso le scritture contabili di aver subito danno emergente, come il deperimento di materiale, e lucro cessante, come un calo degli incassi.

TELEFONIA

Se la linea telefonica è ancora sospesa, è necessario attivare subito la procedura d’urgenza davanti al CoReCom unitamente alla domanda di conciliazione.
Se invece la linea è già stata ripristinata, si può scrivere un reclamo con il quale si chiedono gli indennizzi e, in caso di mancata o insufficiente risposta, avviare la procedura di conciliazione davanti al co.Re.Com.

I nostri consulenti sono a disposizione per assistere i consumatori in entrambi i settori.

 

Ester Anderlini

Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento 2013 della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

 

892 Visite

Big snow: previsti indennizzi per le interruzioni di elettricità

A seguito delle tantissime segnalazioni e richieste di aiuto che ci stanno pervenendo, in merito al prolungato black out di energia elettrica (con conseguenti danni per decine di migliaia di persone e di attività industriali, commerciali) Federconsumatori ricorda che le utenze domestiche danneggiate potranno essere indennizzate automaticamente per il disagio subito, così come previsto dalla delibera ARG/ELT198/11 e tabelle allegate dell’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas (testo integrato della qualità dei servizi di distribuzione energia 2012 – 2015).

Tale delibera prevede che in caso di mancato rispetto dei tempi massimi di ripristino dell’energia, l’impresa distributrice versi un rimborso ad ogni utente coinvolto nell’interruzione, senza che l’utente ne faccia richiesta ed esso sarà accreditato sulla bolletta entro 4/5 mesi dall’evento.

Il rimborso sarà presente in bolletta indicato come “mancato rispetto dei livelli specifici di qualità”.
Per le utenze domestiche in bassa tensione tale indennizzo scatta se l’interruzione della fornitura è superiore alle 12 ore (per i Comuni a medio grado di concentrazione territoriale), in tal caso è previsto l’accredito di euro 30 (una tantum), inoltre ogni 4 ore di interruzione aggiuntive, oltre le 12 ore, è previsto un ulteriore indennizzo di euro15, per un tetto massimo di euro 300 per interruzioni fino a tre giorni e mezzo.

Le imprese di distribuzione una volta ripristinate le linee devono comunicare all’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas ed il Sistema Idrico, il numero degli utenti interessati dall’interruzione, l’ammontare dei rimborsi erogati, la tipologia di utente, il grado di concentrazione e fasce di durata delle interruzioni prolungate.

A trenta giorni dalla comunicazione di Enel Distribuzione ed Hera alla Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas ed il Sistema Idrico, la Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico ristorerà attraverso il Fondo ” eventi eccezionali”.
Mauro Zanini – vice presidente di Federconsumatori nazionale – dichiara: “chiederemo con urgenza un incontro con Enel Distribuzione, Hera e Terna affinchè sia fornito il quadro dei gravi danni a seguito di questo evento climatico preannunciato e delle eventuali responsabilità che hanno fatto sì che decine di migliaia di utenti rimanessero a lungo senza elettricità, riscaldamento, acqua e telefono e riportando danni a cose e persone”.

Per informazioni gli utenti possono rivolgersi alle sedi provinciali di Federconsumatori. La sede di Bologna risponde al n.051/6087120

 

Ester Anderlini

Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento 2013 della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

766 Visite