Articoli

Viaggi in Cina: cosa fare *aggiornato 31-01-2020*

A seguito dell’aumento dei contagi in Cina per l’influenza da coronavirus, molti turisti ci stanno chiedendo se possono chiedere l’annullamento dei viaggi programmati in Cina e in altre destinazioni asiatiche.

La prima cosa da ricordare è che l’annullamento con rimborso è previsto in caso di sconsiglio del ministero degli Esteri, indicato sul sito Viaggiare Sicuri. Al momento (31 gennaio ore 11) è presente la raccomandazione di evitare i viaggi nella provincia dello Hubei e di posticipare i viaggi non necessari nel resto della Cina; inoltre per motivi sanitari è stata disposta la sospensione dei voli diretti in Cina. Quindi i turisti che avevano acquistato un viaggio per la Cina possono adesso chiedere il rimborso.

Per quanto riguarda invece le altre destinazioni asiatiche (Thailandia, Cambogia, Giappone, ecc), non vi è al momento alcuna raccomandazione legata all’influenza, quindi non si ha diritto al rimborso.

Se quindi il viaggiatore non ha stipulato un’assicurazione che copra anche gli annullamenti per motivi personali o sanitari, tutto quello che può fare, al momento, è chiedere una destinazione alternativa al tour operator, all’agenzia di viaggio o alla compagnia aerea.

Data la situazione in continuo mutamento, consigliamo di tenere d’occhio il sito Viaggiare Sicuri , in particolare la scheda del paese di destinazione e il focus sul coronavirus, e il nostro sito SOS Vacanze.

E.A.

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico. Ripartizione 2018.”

451 Visite

Uragano Dorian: indicazioni per i turisti

Si susseguono in queste ore notizie drammatiche sull’uragano Dorian, che ha travolto le isole Bahamas e si sta avvicinando agli Stati Uniti, dove è elevato il rischio di mareggiate, forti inondazioni, smottamenti e blackout. L’aeroporto di Freeport, sull’isola di Gran Bahama, e quello di Orlando, in Florida, sono stati chiusi fino a nuovo ordine e sono stati emessi ordini di evacuazione per l’intera costa sudorientale degli USA (Florida, Georgia e Carolina del Sud). Sempre in Florida, inoltre, sono stati cancellati circa mille voli negli aeroporti di Orlando, Miami, Ft. Lauderdale e Palm Beach. La Farnesina raccomanda ai connazionali che si trovino nelle zone interessate di seguire le indicazioni delle autorità locali e comunica che per le emergenze è possibile contattare il Consolato d’Italia a Miami al numero +1 305 753 0532 e all’indirizzo mail miami.emergenza@esteri.it .

Considerando che al momento non è stato emesso alcuno sconsiglio dal nostro Ministero degli Esteri, coloro i quali abbiano già acquistato un pacchetto di viaggio per queste destinazioni non possono avvalersi dell’annullamento della prenotazione senza penale. Qualora intendano rinunciare al viaggio, gli utenti possono cercare un accordo con il tour operator di riferimento per chiedere un voucher utilizzabile in un altro periodo o verso un’altra meta, tenendo comunque presente che in proposito l’agenzia stessa non ha alcun obbligo. Nel caso in cui la prenotazione sia stata effettuata autonomamente, è consigliabile contattare la compagnia aerea e le strutture alberghiere per verificare l’operatività dei voli, eventuali rischi e possibili soluzioni alternative. In caso di chiusura dell’aeroporto, ricordiamo che il vettore è tenuto a fornire al passeggero un voucher per effettuare il volo in un’altra data o il rimborso del biglietto non utilizzato. Al contrario, se lo scalo risulta operativo, la compagnia non è tenuta al rimborso o alla riprotezione dei clienti. Ricordiamo infine che, come da regolamento comunitario, i viaggiatori non hanno diritto alla compensazione pecuniaria per i voli eventualmente cancellati in “circostanze eccezionali”, in cui rientrano appunto anche le condizioni meteorologiche particolarmente avverse e inaspettate.

Per ulteriori informazioni invitiamo i cittadini a contattare lo sportello SOS Turista, al numero 059.251108 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30.

615 Visite